Discover Story Ideas Details Torna Alle Idee di Storia

Highway One's Most Scenic Stops

La Highway 1 che abbraccia la costa della California è una strada da sogno.L'iconica strada che si estende per più di 650 miglia da Dana Poin a nord a Leggett, offre panorami infiniti sul Pacifico, con abbondanza di alberi di sequoia e avvistamenti di animali selvatici lungo il percorso.Il tratto più famoso (e fotografato) corre lungo la costa centrale della California da Santa Barbara a Monterey passando per la costa incontaminata di Big Sur. Indipendentemente da dove inizi e termini il vostro viaggio in Highway 1, assicuratevi di raggiungere questi luoghi imperdibili lungo il percorso, elencateli in ordine da nord a sud-  e mantenete le viste panoramiche sull'oceano alla vostra destra.

CARMEL-BY-THE-SEA
Se ci fosse solo la spiaggia sarebbe già sufficiente. È una spiaggia deliziosa, una mezzaluna di sabbia chiara delimitata dall’azzurro Pacifico e dai cipressi di Monterey, il cui fogliame viene mosso dal vento costiero. Ma Carmel Beach non è l’unica star di questa cittadina della Contea di Monterey. Piuttosto, è un insieme di elementi a rendere Carmel-by-the-Sea una destinazione così incantevole.

Carmel, ufficialmente incorporata nel 1916, da lungo esercita un fascino magnetico su artisti e autori. Oggi il Carmel Village ospita quasi 100 gallerie d’arte, e alcuni tra i suoi primi residenti erano gli scrittori Mary Austin, Sinclair Lewis e Jack London, che sono fuggiti dalla San Francisco post-sisma per godere del fascino bohémien dell’enclave. Il poeta Robinson Jeffers, arrivato con la moglie nel 1914, ha chiamato il luogo “il nostro posto inevitabile” e ha costruito la sua Tor House in pietra affacciata sull’oceano; ora è aperta nei fine settimana per tour.

La tradizione di dare nomi alle case continua a Carmel, dove cottage con giardino che sembrano usciti dalle favole dei fratelli Grimm siedono vicino a tenute dallo stile mediterraneo e ranch moderni. Il costruttore Hugh Comstock ha inventato l’estetica da fiaba negli anni ‘20 e qui restano 21 delle sue opere originali, incluso il Tuck Box, un bar particolare che si specializza nel tè pomeridiano.

Per chi è in cerca di qualcosa di più sostanzioso c’è Cultura Comida i Bebida, dove i piatti Oaxacan come mole di maiale affumicato e chapilines (cavallette tostate condite con lime e sale) si abbinano perfettamente a uno dei 39 mezcal. Da La Bicyclette l’atmosfera è quella di un bistro francese, mentre per le occasioni speciali prova Aubergine, un ricco menu degustazione dentro al resort L’Auberge Carmel.

Il villaggio di Carmel non offre solo ottimi ristoranti, ma anche sale di degustazione di vini e boutique. Sorseggia un pinot noir da Central Coast Wine Country o guarda le penne eleganti da Bittner, un negozio dedicato all’arte della scrittura.

Ma questa parte di California è meglio definita dall’ambiente selvaggio, che scoprirete solo avventurandovi alla scoperta. Percorrete la 17-Mile Drive in auto o bicicletta, fermandovi a osservare il Lone Cypress, aggrappato da secoli alle rocce. Fate una partita a Pebble Beach, il campo da golf n. 1 del Paese, prenotate una lezione di surf o dirigetevi verso la Point Lobos State Reserve, dove sommozzatori e canoisti condividono le acque con foche e lontre. Quando la giornata è ormai giunta al termine, spostatevi sulla sabbia per ammirare il tramonto sul Pacifico con il vostro cane e chiedetevi perché non vivete qui tutto l'anno. 

JULIA PFEIFFER BURNS STATE PARK
Volete fare una breve escursione che merita lo sforzo? La camminata di andata e ritorno di 1 km nel Julia Pfeiffer Burns State Park lungo il Waterfall Overlook Trail potrebbe essere il percorso che regala più soddisfazione con il minimo sforzo al mondo. L'itinerario, quasi pianeggiante, termina di fronte all’oceano con una bellissima vista sulle McWay Falls, uno dei luoghi preferiti della pioniera di Big Sur Julia Pfeiffer Burns, a cui è stato intitolato il parco. Diciamo che Julia aveva buon gusto. Il getto d’acqua precipita per circa 24 metri dalla cima di una rupe di granito verso l’insenatura sabbiosa sottostante (tale perfezione non è turbata neanche dalle orme nella sabbia: la spiaggia è chiusa al pubblico).

Se ve la sentite di fare una passeggiata un pò più lunga, potete aggiungere un percorso di 1,6 km che porta alla Partington Cove Trail. La ripida, ma breve escursione conduce su un ponte di legno fino a un tunnel lungo 18,2 metri. Attraversate il ponte e terminate sulla spiaggia rocciosa. Alcuni sentieri di questo parco sono chiusi a causa dell'erosione - controllate quindi la sezione sentieri del sito web del parco per le informazioni più recenti prima di partire.

PONTE DI BIXBY
Benvenuti nella versione Big Sur del Golden Gate, un vero e proprio punto di riferimento e probabilmente lo spot più instagrammato lungo la costa dell’Highway 1. E per ottimi motivi. Potete sostare in numerosi punti e ammirare panorami splendidi, soprattutto dall’estremità meridionale del ponte, al tramonto.

Completato nel 1932 con un costo di poco superiore a 200.000 $, questo arco di cemento è uno dei ponti più alti nel suo genere al mondo e si innalza di 79 metri dal fondo del ripido canyon scavato dal Bixby Creek. Se date un’occhiata alle pareti ripide e pericolanti del canyon vi renderete conto che la costruzione del ponte non è stata sicuramente una passeggiata. Per cominciare è stato necessario realizzare un’imponente struttura di legno, trasportando i materiali con i camion lungo quella che era una strada a una sola carreggiata piena di tornanti. E’ stato necessario trasportare sull’impalcatura di legno all’incirca 45.000 sacchi di cemento,  e questo prima che fosse possibile disporre di macchinari avanzati per il sollevamento dei pesi. Ogni sacco fu trasportato mediante un sistema di piattaforme e imbracature sospese con cavi a 91 metri d’altezza sul torrente. Paradossalmente, la campata del ponte fu terminata prima della strada e ci vollero altri cinque anni prima dell’inaugurazione del tragitto di collegamento tra Carmel (circa 24 km a nord) e San Luis Obispo.

Oggi (come sempre) il ponte è un'attrazione prediletta dai fotografi, anche professionisti, e da chi è alla ricerca di uno spot per scattare un selfie ottenendo la massima profondità di campo. Che tu ami fare molti scatti o no, assicurati di sfruttare i diversi punti di vista disponibili; sono essenziali per catturare un panorama a 360°, invece di una sola foto nella direzione in cui stai andando.

NEPENTHE
A Big Sur, solo i gabbiani possono ammirare panorami migliori di quello offerto da questo ristorante in cima alla scogliera e che lo rende una meta irrinunciabile. A Nepenthe che si trova sull’Highway 1 tra Pfeiffer Canyon Bridge e Castro Canyon, la vista si perde lungo la costa e le imponenti montagne di Santa Lucia avvolte nella nebbia verso il profondo blu del Pacifico. La gente del posto e i visitatori della zona si affollano ugualmente qui, attirati dall'atmosfera estremamente rilassata creata dai proprietari originali Lolly e Bill Fassett nel 1949 (e non a caso, è la stessa famiglia che ancora oggi possiede e gestisce il locale).

A cena, prova il famoso Ambrosia Burger, o il pollo arrosto ripieno aromatizzato alla salvia - il piatto tipico di Lolly - o una varietà di antipasti vegetariani. E ovviamente la vista panoramica è stupenda. Ammiratela accomodati su una sedia nel patio - uno spazio aperto simbolo di leggerezza - oppure entrate nell'edificio principale, progettato da un allievo di Frank Lloyd Wright e ispirato allo stile del grande architetto, che puntava alla creazione di strutture straordinarie, ma allo stesso tempo alla perfetta integrazione nell’ambiente circostante.

E poi qui al Nepenthe l’epoca della Beat Generation e del movimento hippy di Big Sur è ancora viva. Se fate due passi nello splendido bar o all'esterno vicino al caminetto, potrete sentire echeggiare nomi come Kerouac e Miller e storie che iniziano con un "Ricordo quando ...". Potete anche portare a casa un pezzo dello stile Big Sur: il negozio di souvenir Phoenix at Nepenthe, situato appena sotto il Nepenthe e in cima a un'altra struttura che merita una visita, il Café Kevah, espone gioielli realizzati a mano, ceramiche e persino strumenti musicali, magari per un perfetto cerchio di tamburi.

PARCO STATALE LIMEKILN
Fermatevi lungo la Highway 1 per visitare il Limekiln State Park, dove scoprirete un pezzo di storia del 19° secolo mentre percorrete suggestivi sentieri attraverso le imponenti sequoie costiere. In questo parco di Big Sur, 3km a sud di Lucia, campeggio, nuoto (a Limekiln Creek e in una spiaggia) e osservare la fauna marina ha un grande fascino, ma sono indubbiamente le fornaci storiche l'attrazione principale del parco.

Come suggerisce il nome, il Limekiln State Park  (“limekiln” significa “forno da calce”) un tempo era la sede di una fiorente attività di produzione della calce, e alcune brevi camminate non solo vi consentono di esplorare i resti dei forni ma anche di visitare la spiaggia e le Limekiln Falls.

Secondo i resoconti storici, verso la fine del 1880, il calcare veniva raccolto da alcune formazioni naturali in un pendio vicino, per essere immesso negli imponenti forni di ferro e pietra. Il calore intenso dei forni alimentati con il legno delle sequoie consentiva di estrarre calce pura, un componente fondamentale per il cemento da costruzione che veniva utilizzato negli edifici di San Francisco e Monterey.

Una volta esaurite tutte le riserve vicine di calcare e sequoie, le fornaci fuorono abbandonate. La foresta si è lentamente ripresa e le sequoie cresciute successivamente in questo parco oggi consentono di godere di una sosta piacevole e ombreggiata (e anche con un passato interessante). Nel bel mezzo di questo contesto fortemente naturalistico, si ergono le quattro fornaci di ferro e pietra, sfregiate e imponenti, come monumenti di una civiltà passata. E’ un contrasto marcato che stimola l'immaginazione anche del turista più esperto.

Potete fate un’escursione fino a Limekiln Falls o scegliere una meta meno impegnativa: la sabbia della spiaggia del parco. Ci sono anche 29 campeggi.

Piazzate una tenda -  aree di sosta per auto o camper non sono consentite - in uno dei 29 campeggi situati ai margini del torrente, sul lungomare e nella foresta. Potete prenotare un posto con un massimo di sei mesi di anticipo.

CAMBRIA
Cambria è un incantevole villaggio sul mare. Molti la conoscono come punto di partenza ideale per visitare Hearst Castle, a soli 17 km sulla costa di San Luis Obispo County. Ma anche senza le popolari attrazioni nei dintorni, l'atmosfera vivace di Cambria e i suoi panorami —bellissime foreste e ampi spazi aperte lungo questo tratto roccioso di costa californiana— la rendono una destinazione unica.

Per una comunità così ridotta (Cambria conta circa 6.000 abitanti), il villaggio ha diverse anime. Nella parte interna dell'Highway 1, l'area commerciale di Cambria è divisa in due sezioni differenti lungo la Main Street. Con alcuni edifici risalenti al 19° secolo, East Village è la parte più antica della cittadina.

Nell'edificio dell'ex Banca di Cambria, The Vault Gallery espone le opere di alcuni di più celebri pittori dell' "en plein air", oltre ad opere contemporanee di artisti come Billy Zane, parte del cast di Titanic. Molti visitatori si fermano a Cambria anche solo per una fetta della famosa torta del Linn’s Restaurant, mentre la cucina eclettica internazionale e il suo particolare arredamento, hanno reso Robin’s restaurant un must della Central Coast da oltre 30 anni. A pochi isolati di distanza, il menu di stagione del Black Cat Bistro e il suo intimo labirinto di sedute per gustare un buon pasto, rendono questo indirizzo la mecca delle coppie alla ricerca di una serata romantica.

Vicino al West Village, Madeline’s Restaurant & Wine Tasting Room serve i migliori vini della Central Coast e, la sera, offre alcuni piatti speciali come lo stinco di agnello e petto d'anatra in padella. Potete anche fare due passi in una delle numerose gallerie d'arte della zona — tra cui Ephraim Pottery, dove troverete alcune creazioni del proprietario Kevin Hicks, oltre a mobili e lampade artigianali.

Dall'altra parte dell'Highway 1, Moonstone Beach è ricca di hotel, molti dei quali vantano camere con vista sull'oceano. Attraversate la strada e potrete passeggiare csu una passerella che si estende per quasi 2.5 km—con bellissimi panorami. Per una cena qui, dirigetevi al Sea Chest, sempre affollatissimo (non vengono accettate prenotazioni) grazie al suo spettacolare oyster bar e alla sua rinomata bistecca di calamari. Nelle vicinanze, presso la Fiscalini Ranch Preserve, un articolato intrico di sentieri segue il profilo costiero e risale le quiete foreste a oltre 120 metri sull'oceano.

HEARST CASTLE
E’facile trovare residenze lussuose in California, considerando che le stelle del cinema e i magnate della tecnolgia costruiscono autentiche regge che vengono nel tempo ampliate con piscine e palestre per lo yoga, ma nessun posto può eguagliare la magnificenza di Hearst Castle. Progettato senza badare a spese da Julia Morgan, il primo architetto donna della California, progettò Hearst Castle, come residenza privata del magnate dell’editoria Randolph Hearst, il complesso, terminato nel 1947, è uno straordinario tempio in cui si celebrano opulenza ed eccessi. Attualmente è l' attrazione principale del parco statale più visitato della California, ed è una meta imperdibile, un castello da 165 stanze, 51 ettari di giardini terrazzati, fontane, piscine e panorami mozzafiato sull’assolata costa centrale.

OSSERVAZIONE DELLA FAUNA SELVATICA NELLA SAN LUIS OBISPO COUNTY
Dalle svolazzanti farfalle Monarca, leggere come piume, agli enormi elefanti marini, che possono superare le due tonnellate, la San Luis Obispo County offre un’incredibile varietà di fauna selvatica e di modi per osservarla da vicino. Chi ha ancora poca confidenza con gli animali potrà recarsi sull’accidentata lingua di costa detta Piedras Blancas (in spagnolo, “rocce bianche”), lungo la Highway 1, circa 11 chilometri a nord di San Simeon. Qui quasi 17.000 elefanti marini, un tempo specie in via d’estinzione a causa della caccia selvaggia, si spostano pesantemente sulla spiaggia rocciosa per riprodursi, dare alla luce i loro piccoli, fare la muta e riposare. Dagli appositi punti di osservazione sopraelevati, osservate gli esemplari maschi, grandi quanto un furgoncino, lottare ululando per il loro territorio, mentre le femmine, più piccole di dimensioni, nutrono i loro paffuti cuccioli. Non è raro trovare in loco guide volontarie pronte a fornire informazioni interessanti.

Dalla fine di ottobre fino a febbraio, non perdetevi i suggestivi boschetti pieni di farfalle Monarca di Pismo State Beach, dove vedrete queste bellezze arancioni e nere radunarsi in gran numero per la stagione invernale. Recentemente, la media degli esemplari ha raggiunto le 25.000 unità, ma può accadere che, nei periodi più affollati, si contino più di 100.000 Monarca.

A Morro Bay, tendete le orecchie per udire il rumore delle lontre di mare che usano i sassi come strumenti per aprire i molluschi. Scrutate il cielo e l’oceano alla ricerca di aironi e garzette nivee (c’è una nutrita colonia che vive sulla costa, nei pressi del museo di storia naturale del Morro Bay State Park), di uccelli acquatici migratori e falchi pellegrini (un paio nidificano in genere sulla Morro Rock). Unitevi a un tour guidato in kayak per attraversare la baia con un esperto che vi mostrerà i cormorani che si tuffano in acqua, le foche e le lontre di mare e vi descriverà come avviene la coltivazione delle ostriche locali. Pagaiate nella baia fino a raggiungere le alte dune di sabbia, punto di osservazione perfetto per avvistare balenottere azzurre, balene grigie e megattere in migrazione.

PISMO BEACH
Che arriviate da nord o sud sulla U.S. Highway 101, il momento in cui raggiungete Pismo Beach è indimenticabile. Le colline costiere si aprono, rivelando scintillanti acque turchesi e lunghi tratti della costa della Contea di San Luis Obispo, con scorci di questa città di mare vintage che abbraccia la costa. Proseguite attraverso strade incorniciate da eleganti cottage, negozi di surf e locali che servono la locale zuppa di vongole.

Non mancate lo storico molo di Pismo Beach, lungo 365 m. Il molo è stato costruito nel 1928 ed è la cosa più vicina a una piazza di paese a Pismo Beach. Fate una passeggiata per osservare i surfisti, o magari provate a pescare (non serve licenza). Dal molo passeggiate seguendo l’oceano o lungo la sabbia battuta; le ampie distese piane la rendono una delle spiagge dove è più piacevole camminare in California.

Le ampie distese piane la rendono una delle spiagge dove è più piacevole camminare in California.

La meravigliosa cornice di Pismo Beach rappresenta uno dei molti modi di poter godere della natura locale. Salite in sella per esplorare le dune a sud della città con le uscite guidate con Pacific Dunes Riding Ranch. I tour di Central Coast Kayaks portano i rematori in incredibili caverne marine nascoste nella costa frastagliata a nord del centro. Oppure prendete a noleggio un buggy o un 4x4 per affrontare le dune della Oceano Dunes State Vehicular Recreation Area. Potrete avvistare una balena grigia da 35 tonnellate dalla costa, oppure minuscole creature che pesano meno di un grammo ma regalano spettacoli indimenticabili che potrete ammirare quando le monarca arrivano al Pismo Beach Monarch Butterfly Grove da fine ottobre a febbraio.

Una iconica città di mare merita cibo fresco del posto, e a Pismo troverete ogni tipo di piatto tradizionale. Assaggiate il chowder premiato dello Splash Café e la sua consistenza vellutata. O date un morso agli hamburger di black angus da Wooly’s Beach Bar & Grill, dove il ponte si affaccia direttamente sulla spiaggia.

Il panorama culinario di Pismo Beach ha anche un lato più sofisticato grazie alla sua posizione privilegiata nelle vicinanze delle regioni del vino di Edna Valley e Arroyo Grande Valley. Scoprite una notevole selezione di vini locali senza lasciare la città da Tastes of the Valleys, che è stato riconosciuto come uno dei 20 migliori wine bar in America da Wine Enthusiast Magazine. Abbinate le fantastiche viste sull’oceano al pesce fresco all’Oyster Loft (sopra Wooly’s) o un aperitivo di ispirazione latina da Ventana Grill, due dei migliori luoghi dove ammirare il tramonto in città.

A proposito di tramonti, alloggiate presso uno degli hotel o resort affacciati sull’oceano di Pismo Beach e non dovrete neanche lasciare la stanza per guardare il cielo accendersi sul Pacifico. All'hotel pet-friendly SeaCrest Oceanfront Hotel, socchiudete la porta sul balcone della vostra ampia camera e addormentatevi con il dolce rumore delle onde. Oppure concedetevi una coccola al Dolphin Bay Resort & Spa, dove potrete godervi un massaggio con le pietre calde e il menu degustazione dello chef di cinque portate al ristorante Lido.

UNA MISSIONE A SANTA BARBARA
Fondata dai frati francescani spagnoli nel 1786 e soprannominata la “regina delle missioni”, la Old Mission di Santa Barbara si erge sopra la città e ha di fronte un prato ben curato che sta lì a guardarvi gridando “pic-nic”! Non vi stupirà sapere che i pittori amano posizionare qui il cavalletto per riprodurre le eleganti torrette della missione. Prendetevi un po’ di tempo per passeggiare negli affascinanti giardini, dove si trovano diverse piante utilizzate dagli indiani Chumash, e non dimenticate di visitare anche il cimitero storico. Effettuate la visita in silenzio: la missione è ancora attiva e ospita tuttora alcuni frati.

Se vi interessa scoprire la storia della missione, partecipate ad un tour guidato durante il quale sentirete parlare di arte e architettura. Un altro interessante tour è la visita dell’Huerta Historic Garden, dove si possono vedere riprodotte tutte le piante esistenti nel periodo in cui nacque la Missione (1769-1834). Le piante sono state raccolte presso altre missioni del luogo e poi clonate, trapiantate o generate da semi o talee.

TAGS: